RICHIESTA INFORMAZIONI

ORGANIZZAZIONE EVENTI

COLORTASTE

COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano
COLORTASTE - Alfonso Catalano

Informazioni sul progetto:

Colortaste è una mostra fotografica che si tiene presso Palazzo Isimbardi di Milano, ed è un percorso espositivo dedicato all'arte culinaria.
Nomi come Moreno Cedroni, Stefano Baiocco, Igles Corelli, Enrico Cerea ed altri dieci chef stellati, si sono prestati a questo evento sperimentale: usare un piatto traslucido come fosse una tela sul quale sbizzarrirsi con colori e forme, prodotte dagli alimenti scelti per le pietanze. Il risultato sono perfetti quadri d'arte moderna, dall'inaspettata bellezza.
Protagoniste della mostra, le fotografie di Alfonso Catalano, vincitore nel 2004 del Venice Movie Stars Photography Award, concorso istituito quello stesso anno, dedicato alle migliori immagini scattate in occasione della Mostra Internazionale d´Arte Cinematografica di Venezia.
I piatti realizzati dagli chef, sono fotografati con retroilluminazione che permette di esaltare i colori, splendenti ed esplosivi come nei quadri in stile pop-art. Il ricavato delle opere vendute è interamente devoluto a favore della Onlus Pane Quotidiano, con sede a Milano, che si occupa della distribuzione di alimenti per i meno abbienti.
Honegger è sponsor tecnico dell’evento: progetta e realizza l'allestimento dell'area espositiva, gestendo, inoltre, la Direzione Artistica dell'evento. Colortaste trova nel chiostro di Palazzo Isimbardi la location ideale, un luogo scelto molto spesso per eventi culturali e sfilate di moda proprio per la sua incantevole eleganza. Lo stile e i toni accesi de quadri esposti risaltano in contrasto con quelli dell'edificio, che pure li accoglie tra i suoi archi in maniera perfetta.

CONDIVIDI