HONEGGER JOURNAL

EVENTI, MERCATI, INTERNAZIONALIZZAZIONE

I 5 TREND 2018 DEL SETTORE FIERISTICO SECONDO UFI

Fiera Düsseldorf ingresso Foto: Ra Boe/Wikipedia

UFI, l’Associazione Globale dell’Industria Fieristica, ha recentemente analizzato quali saranno i trend del settore per il 2018. Le notizie positive sono numerose: il comparto dedicato a fiere, congressi e conferenze aumenterà le sue attività durante l’anno, in un crescendo di interesse a livello globale da parte di diversi attori, disposti ad investire per la partecipazione o per l'organizzazione di manifestazioni. D’altra parte però, si fa sentire anche il bisogno sempre maggiore di talenti preparati e selezionati; ultimo fattore da considerare, la sicurezza durante gli eventi, tema di grandissima attualità. Ecco di seguito i 5 trend individuati da UFI.

1. (APPARENTE) STABILITÀ DEL SETTORE


Nonostante le tensioni politiche a livello mondiale e una leggera fragilità percepita nell'ambito del libero commercio, sia l’economia globale che il settore fieristico sono in grande crescita negli ultimi anni, anche rispetto a quanto previsto. Gli organizzatori di fiere e conferenze beneficiano di una variazione nell’allocazione del budget da parte delle aziende, che ora investono molto in eventi live e nel digital marketing e meno invece nell’advertising tradizionale. Anche le possibilità delle location stanno aumentando, soprattutto grazie all’espansione fisica dei comprensori fieristici. Tuttavia, non bisogna dimenticare che il sistema è circolare: soltanto investendo infatti si riuscirà ad avere un alto ritorno economico, altrimenti la crescita non sarà garantita.

2. LA STRADA VERSO LA DIGITALIZZAZIONE


Le capacità di adattamento e la flessibilità oggi devono affrontare il loro più grande test – nonché opportunità – ossia il fenomeno della digitalizzazione e il continuo ed incessante aumento del volume di dati immessi online, che vanno ad accrescere sempre più il bacino di informazioni disponibili. Nell’industria fieristica e degli eventi, ciò significa che i CEO dovranno focalizzarsi maggiormente sulla costruzione di nuovi modelli di business che tengano conto dell'ambiente di marketing, sempre più guidato dai dati in formato digitale. Da non dimenticare che, parallelamente, gli investimenti su modelli e prodotti tradizionali sono destinati a diminuire drasticamente: la necessità imperante è la “digitalizzazione di noi stessi”.

3. CONFINI LABILI


Un altro grande trend individuato da UFI consiste nella separazione sempre meno evidente tra i diversi eventi: fiere, congressi e conferenze infatti non hanno più un confine netto e distinguibile, anzi: questo sta sfumando pian piano. Sarà capitato infatti di sentir parlare di eventi ibridi: in parte conferenze, in parte fiere, in parte congressi, come il noto Web Summit; inoltre, anche negli eventi di tipo B2B vengono introdotti elementi di intrattenimento dedicati a tutti i partecipanti, che sono in questo modo coinvolti ad un livello maggiore. Il risultato sarà una crescente tendenza alla collaborazione tra organizzatori di tipologie diverse di eventi.

4. LA RICHIESTA DI TALENTI E COMPETENZE


Gli organizzatori e le location per gli eventi devono pensare attentamente alla selezione dei giusti talenti, preparati ad affrontare un settore che è in continuo cambiamento. Anche i programmi di formazione si stanno modificando in questa direzione: creare i leader di domani, con nuove opportunità per imparare e prevedere con più certezza quali saranno gli sviluppi del business fieristico in futuro. L’industria si focalizzerà inoltre nella ricerca di talenti che provengano anche da altri settori, cosa che porterà una diversità positiva ricca di nuovi spunti a tutti i livelli.

5. LA SFIDA DELLA SICUREZZA


La sfida della sicurezza non è peculiarità del settore degli eventi. Negli ultimi anni tuttavia, le esigenze di sicurezza alle minacce provenienti da più fronti si sono fatte più urgenti che mai: non esiste una formula perfetta che si adatti ad ogni fiera o conferenza, bensì di volta in volta ci dovrà essere uno studio dettagliato da parte degli organizzatori su come sviluppare il piano di sicurezza, per visitatori ed espositori. Le leggi locali, gli usi e i costumi saranno le linee guida principali, mentre la collaborazione fra tutte le parti coinvolte dovrà farsi più stretta.

Siete interessati a partecipare ad una delle nostre fiere, presso il comprensorio di Messe Düsseldorf o nel mondo? Visitate la pagina dedicata alle manifestazioni per trovare quella più adatta per la vostra azienda!

Fonte: Trade Show News Network
CONDIVIDI

Commenti